LA SERIE SRT 407 SI BASA SU DI UNA PIATTAFORMA MODULARE STANDARDIZZATA, COMPOSTA DA UN MOTOCARRELLO A DOPPIA CABINA E DA UNA SERIE DI ALLESTIMENTI CHE PERMETTONO DI ADATTARE RAPIDAMENTE IL VEICOLO A DIVERSE E SPECIFICHE ESIGENZE OPERATIVE: UNA SOLUZIONE POLIFUNZIONALE CON MOLTEPLICI POSSIBILITÀ DI IMPIEGO.

Il motocarrello SRT 407 è un rotabile automotore a doppia cabina, che può essere utilizzato come mezzo d’opera in lavori di costruzione e manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria. A seconda delle esigenze del cantiere, il motocarrello può trasportare diversi tipi di allestimenti, montati mediante sistemi di ancoraggio twistlock, analoghi a quelli impiegati per il traffico commerciale combinato.

Principali componenti

Costituito da due longheroni, formati da una trave HEA 500 e da profili composti ricavati da lamiera.
La parte superiore del telaio è corredata da ganci per il fissaggio di container, che consentono l’installazione di diversi tipi di attrezzature.
Composto da: 2 carrelli motorizzati di produzione SRT; cilindri freno, regolatore della timoneria del freno e valvole di pesatura, integrati direttamente all’interno di ogni singolo carrello; sale con una portata di 22,5 t; ruote monoblocco con un diametro a nuovo pari a 920 mm.
Conformi allo standard UIC.
Costituito da freno pneumatico automatico di tipo autocontinuo a ceppi e dotato di comando di frenatura di tipo diretto e indiretto. A differenza dei dispositivi tradizionali che funzionano soltanto in base alla regolazione vuoto/carico, i dispositivi di pesatura consentono di ottenere la miglior frenatura per ogni livello di carico.
Composto da un motore endotermico a combustione interna, una trasmissione idrostatica e 4 riduttori a doppio rapporto.
Il motore è un Tier IV da 407 kW e risponde a tutti i requisiti antinquinamento previsti dalla norma UNI EN 14033, parte 2 e 3.
Due cabine realizzate in conformità alla norma UNI EN 14033-1-2-3, caratterizzate da postazioni di guida e banchi di comando ergonomici, e da un ampio vetro frontale che garantisce ottimi livelli di visibilità.
Ingresso collocato nel lato posteriore della cabina, protetto da un ballatoio per evitare cadute nell’interbinario.

PRESTAZIONI ELEVATE

Automotore a totale aderenza e trasmissione idrostatica

COMFORT DI LAVORO

Postazioni di guida e banchi di comando ergonomici, ampia visibilità operativa

QUALITÀ COSTRUTTIVA

Telaio robusto conforme alle normative EN 12663, parte 1 e 2; sforzo al gancio massimo (marcia di lavoro): 116300 N

VELOCITÀ SUPERIORE ALLA MEDIA

120 km/h, sia in composizione a treno che in trazione autonoma-marcia di trasferimento.

FUNZIONALITÀ PERSONALIZZABILI

Si presta ad accogliere allestimenti realizzati su misura.

Lunghezza massima (compresi i respingenti) 18.840 mm
Larghezza massima 2.777 mm
Passo 12.500 mm
Passo carrello 1.800 mm
Numero di assi 4
Tipo di ruote monoblocco
Diametro ruote a nuovo 920 mm
Tipologia sospensioni molle ad elica
Velocità massima in composizione a treno 120 km/h
Velocità massima in trazione autonoma (marcia di trasferimento) 120 km/h
Massa complessiva a vuoto 40 t
Portata massima 50 t
Massa massima a pieno carico 90 t
Freno autocontinuo automatico a ceppi
Freno di stazionamento
Motore endotermico N.1 da 407 kW
Numero di assi motori 4
Trasmissione idrostatica
Riduttori N. 4, tipo GEO 2VD a doppio rapporto
Sforzo al gancio massimo (marcia di lavoro) 116300 N
Motocarrello

Il motocarrello SRT 407 è dotato di Autorizzazione alla Messa in Servizio rilasciata da ANSF (Agenzia Nazionale Sicurezza Ferroviaria). Il mezzo è inoltre iscritto al RIN (Registro di Immatricolazione Nazionale), e può circolare senza limitazioni sia in trazione autonoma che in composizione a treno su tutta la rete ferroviaria italiana, a una velocità di 120 km/h.

Il motocarrello è inoltre dotato di Autorizzazione alla Messa in Servizio in regime di interruzione sulla rete RFI ed è iscritto al RUMO (Registro Unico Mezzi d’Opera), può quindi essere impiegato per la costruzione e la manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria.

Su richiesta del cliente, è possibile realizzare delle configurazioni multiple che utilizzano in sinergia le funzioni di due o tre allestimenti abbinati.

  • Configurazione multipla a 2 allestimenti: due motocarrelli collegati tra loro che possono essere attrezzati con due allestimenti in serie.
  • Configurazione multipla a 3 allestimenti: due rotabili automotori a parziale aderenza e un rotabile folle.

Possibili campi di impiego delle configurazioni multiple a più allestimenti:

  • Treno di betonaggio e spritz beton
  • Treno di perforazione per la realizzazione dei micropali
  • Treno per il carico e il trasporto delle rotaie fino a 36 metri

SRT effettua su specifica richiesta del cliente la messa in servizio dei mezzi rotabili di nuova produzione.

Alla consegna del mezzo, un team di tecnici specializzati eseguirà una serie di test in cantiere per garantire la perfetta funzionalità della macchina, sia dal punto di vista della circolazione che degli organi di lavoro.

Contestualmente è possibile richiedere un intervento di formazione riservato al personale addetto all’utilizzo del mezzo, riguardante il suo corretto funzionamento e le operazioni di manutenzione di 1° livello.

SRT offre un servizio di assistenza postvendita su tutti i mezzi prodotti, fornendo ricambi originali e prestazioni di manodopera specializzata.

Un team di tecnici competenti, dotati di officina mobile adeguatamente attrezzata, garantisce interventi rapidi ed efficaci, in grado di risolvere qualsiasi anomalia o guasto.

Su richiesta del cliente, i mezzi realizzati da SRT possono essere dotati di un sistema di monitoraggio da remoto. Un sistema di trasmissione dati autoalimentato, che viene collegato tramite sensori alle parti sensibili del rotabile, e permette di tenere sotto controllo i principali parametri di funzionamento del mezzo:

  • posizione e velocità
  • efficienza (di massima) del freno
  • posizione e numero di movimenti degli organi di lavoro
  • stato del motore
  • identificazione dell’operatore alla guida

Vantaggi e benefici del sistema di monitoraggio da remoto

  • Rilevare rapidamente e a un costo contenuto informazioni sulla posizione del rotabile, fondamentali per ridurre oneri e tempi di manutenzione
  • Conoscere la distanza percorsa dal mezzo, tramite la quale è possibile determinare l’usura di diversi organi meccanici
  • Verificare eventuali guasti al freno o al motore
  • Identificare in ogni momento l’operatore alla guida, verificando eventuali correlazioni tra guasti e condotta del personale
  • Registrare i parametri legati al funzionamento del rotabile, operazione utile anche a fini statistici che permette di impostare i futuri piani di manutenzione sulla base di dati concreti

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI PER MOTOCARRELLO SRT 407

(*) Campi obbligatori


Motocarrello SRT 487Gru sottoponteSponde con gru

Acconsento all'utilizzo dei miei dati per rispondere alle richieste di informazioni, di preventivo, o di qualunque altra natura indicata dall’intestazione del modulo. Privacy & Cookie Policy